Lun - Ven: 8 - 12 | 14 - 20 Sabato 8-12 | Domenica - CHIUSO
30027 San Donà di Piave (Venezia)
ginocchio

Ginocchio

Ginocchio

Il ginocchio, per la sua complessità e la posizione predominante nell’apparato locomotore, è soggetto spesso a patologie di origine traumatica ma anche di tipo degenerativo ed infiammatorio.

Il ginocchio è l’articolazione più soggetta a traumi, diretti od indiretti, che possono interessare sia la parte ossea che compone il suo complesso ingranaggio (femore, rotula, tibia e perone) ma anche quella cartilaginea (i menischi) e legamentosa (i legamenti crociati ed i collaterali).

La distorsione del ginocchio è uno degli infortuni più frequenti tra gli sportivi, soprattutto calciatori, sciatori, giocatori di rugby, basket, volley.

Quali sono le cause di dolore al ginocchio?

PATOLOGIE TRAUMATICHE

Le lesioni più ricorrenti risultano essere:

  • trauma diretto (colpa da caduta o da corpo contundente) oppure essere la conseguenza di un trauma indiretto, causato da un brusco cambio di direzione, di una scivolata o di uno scarpone che rimane agganciato ad uno sci mentre si cade. A seconda del tipo e dell’entità del meccanismo traumatico si possono avere lesioni molto varie, talvolta anche in associazione tra loro: si possono riportare danni minimi con dolore, gonfiore e lieve limitazione funzionale, oppure riportare una lesione di un menisco e/o di un legamento associata o meno alla frattura di un osso.

L’esame clinico e i test diagnostici come Ecografia, RMN o TAC aiutano il medico nella diagnosi.

  • la Rottura del Legamento Crociato Anteriore (LCA): è una dell’evenienze più temute, soprattutto tra gli sportivi, perché può comportare l’intervento chirurgico e una lunga riabilitazione prima del ritorno all’attività. Con la rottura del LCA si possono associare lesioni dei menischi, dei Ligamenti Collaterali, o la frattura della rotula o del piatto tibiale.
  • più rara è la rottura del Legamento del Crociato Posteriore (LCP) che avviene con meccanismi un po’ differenti: solitamente questa lesione avviene per l’impatto violento dei piedi su una superficie rigida e conseguente iper estensione del ginocchio.
  • le lesioni del menisco mediale e laterale possono essere l’esito di un trauma contusivo-distorsivo ma anche presentarsi spontaneamente: un semplice movimento, in cartilagini consumate dall’età o da attività usuranti, può incrinare o lesionare seriamente i menischi.
  • le lesioni del legamento collaterale mediale e laterale hanno cause molto simili ma si hanno principalmente per dei movimenti di torsione particolarmente accentuati.

 

Tutte queste lesioni, a parte le fratture ossee che necessitano dell’immobilizzazione forzata per il corretto rimodellamento, possono essere trattate in maniera conservativa: utilizzando ginocchiere, terapie fisiche e trattamenti fisioterapici di rieducazione funzionale si può evitare o, perlomeno procrastinare, l’intervento chirurgico.

PATOLOGIE NON TRAUMATICHE

Tra le patologie non strettamente riconducibili ad un trauma si riscontra frequentemente l’artrosi del ginocchio (gonatrosi). Sono inoltre frequenti le lesioni della cartilagine articolare (condropatie) che si producono a causa di un processo degenerativo legato all’età e/o ad attività intense ed usuranti per le ginocchia.

La ridotta “lubrificazione” dell’articolazione causata dal consumo della cartilagine attiva che è deputata a questo scopo, comporta una condizione di attrito che con il passare del tempo può favorire la comparsa di dolore, associato a scrosci articolari e gonfiore.

Nei vasi in cui la cartilagine è così danneggiata da scoprire ampie zone dell’osso sottostante, necessita intervenire chirurgicamente ed inserire una protesi metallica.

Tra gli sportivi soprattutto è frequente l’infiammazione del tendine rotuleo, del tendine della zampa d’oca (regione posta internamente al ginocchio dove confluiscono i tendini di 3 muscoli adduttori che originano dalla coscia) e della bandelletta ileo-tibiale, il tratto inferiore della fascia lata (muscolo che dall’anca si allunga sino alla parte laterale del ginocchio).

Frequente è anche la presenza nella parte posteriore del ginocchio, il cosiddetto cavo popliteo, di una ciste ripiena di liquido, che si manifesta a causa di traumi od infiammazioni, denominata ciste di Baker, che può creare qualche fastidio, soprattutto se voluminosa.

Caratteristica patologia dell’adolescenza, è la Sindrome di Osgood-Schlatter, che può insorgere negli sportivi, e limitarne fortemente l’attività. Si tratta di uno stato infiammatorio che interessa la parte della tibia a livello del ginocchio che scompare con il completo sviluppo scheletrico.

Quali sono i sintomi?

La posizione e la gravità del dolore al ginocchio possono variare a seconda della causa del problema. Segni e sintomi che a volte accompagnano il dolore al ginocchio includono:

  • Gonfiore e rigidità
  • Rossore e calore al tatto
  • Debolezza o instabilità
  • Rumori scoppiettanti o scricchiolanti
  • Incapacità di raddrizzare completamente il ginocchio
Prendi appuntamento

Informiamo che i dati conferiti saranno trattati con mezzi informatici nel rispetto dei principi e dei tempi stabiliti dalla normativa vigente in materia di protezione di dati (Regolamento UE n. 679 del 2016) al solo fine di fornire le informazioni richieste.
L’informativa completa sulle modalità e finalità dei trattamenti effettuati è accessibile attraverso il seguente collegamento: privacy policy.

RC Therapy
Seguici sui social

Vorresti avere maggiori informazioni su Ginocchio?