Lun - Ven: 8 - 12 | 14 - 20 Sabato 8-12 | Domenica - CHIUSO
30027 San Donà di Piave (Venezia)
riabilitazione-della-mano

Riabilitazione della mano

Riabilitazione della Mano

La mano è un organo complesso, formato da 27 ossa, 270 cm di vasi sanguigni, 600 recettori del dolore e 9000 terminazioni nervose, e capace di compiere innumerevoli movimenti, anche quelli più fini; come tale, è spesso esposto a diverse entità di traumi che possono anche compromettere le attività di ogni giorno.

La riabilitazione della mano è la gestione non chirurgica dei disturbi della mano e delle lesioni che influiscono sulla funzionalità dell’arto.
La riabilitazione riunisce tecniche di terapia occupazionale (gestione delle cicatrici, tutori, consigli sulle attività della vita quotidiana) e fisioterapia (mobilizzazione articolare e neurodinamica, stretching, esercizi attivi, fisioterapia strumentale).

Nel nostro ambulatorio il Dott. Fabrizio De Lazzari si occupa della Riabilitazione della mano il quale, oltre ad essere membro dell’Associazione Italiana Fisioterapisti (AIFI), è anche membro dell’AIRM (Associazione Italiana Riabilitazione della Mano).

Quando è indicata la Riabilitazione della Mano?

Patologie traumatiche

  • Fratture ossee
  • Lesioni legamentose, tendinee e nervose
  • Lussazioni

Patologie non traumatiche

  • Tunnel Carpale
  • Tunnel Cubitale
  • Dito a scatto
  • Morbo di De Quervain
  • Morbo di Dupuytren
  • Dito a martello
  • Dito a collo di cigno
  • Tendinite dei muscoli flessori ed estensori
  • Compressioni dei nervi mediano, ulnare e radiale
  • Patologie degenerative come artrosi

Quali terapie si effettuano nella Riabilitazione della Mano?

In base alla patologia o al trauma, il fisioterapista provvederà ad effettuare la migliore terapia adatta al paziente.

Tra quelle fisiche e strumentali:

  • Ultrasuoni
  • Paraffinoterapia
  • Tecarterapia
  • Laserterapia
  • Correnti TENS
  • Elettrostimolazione su tavola canadese bloccante mediante correnti bifasiche simmetriche compensate e faradiche per denervati

Tra quelle manuali:

  • Linfodrenaggio manuale
  • Tecniche di rinforzo muscolare
  • Tecniche di manipolazione dei tessuti molli (manipolazione fasciale)
  • Tecniche di mobilizzazione / manipolazione articolare e neurodinamiche (applicazione del concetto Maitland, Kaltenborn Evjenth, Mulligan)
  • Scollamento manuale degli esiti cicatriziali
  • Trattamento del tessuto cicatriziale mediante miofibrolisi diacutanea o fibrolisi cutanea se necessario ed indicato mediante uso di strumenti dedicati

mobilizzazione della manoTrattamenti attivi per recupero funzionale:

  • Rinforzo muscolare
  • Ripristino dei movimenti fini delle dita
  • Esercizi di destrezza

Tra quelle neurologiche:

  • Ricostruzione della lateralità
  • Immagine motoria
  • Mirror Therapy

Tale terapia presume il riconoscimento di immagini per ripristinare la lateralità, la simulazione mentale di un movimento senza attivazione macroscopica e gli esercizi mediante specchio con l’arto sano. L’obiettivo di questo lavoro è di mantenere “allenate” le sinapsi cerebrali deputate al controllo dell’arto lesionato.
Il fisioterapista inoltre istruirà il paziente sulle modalità di esecuzione degli esercizi riabilitativi da svolgere a casa o in ufficio.

I tutori

I tutori svolgono un ruolo importante nella riabilitazione della mano sia nel trattamento post-chirurgico sia in quello conservativo.
Essi hanno una funzione preventiva, correttiva o funzionale, ma possono anche essere utilizzate per limitare temporaneamente un’articolazione per simulare un’immobilizzazione, oppure, ancora, per verificare la disponibilità di un paziente verso l’intervento chirurgico e, soprattutto, verso l’impegnativo percorso riabilitativo.

Nel nostro ambulatorio costruiamo tutori statici o dinamici personalizzati fatti con materiale termoplastico modellato dal fisioterapista direttamente sulla mano del paziente per permettere il completo rispetto dell’anatomia del paziente.

tutore alla mano personalizzatoLo scopo di un tutore è quello di:
• stabilizzare le strutture danneggiate o infiammate che necessitano di un periodo di immobilizzazione;
• mantenere la funzionalità delle strutture anatomiche integre;
• fornire ulteriore stress meccanico (allungamento graduale) alle strutture irrigidite in maniera progressiva mediante tutori statici progressivi.

Infatti, il tutore può essere riadattato dal fisioterapista “in corso d’opera”, così da seguire i miglioramenti ottenuti durante il percorso riabilitativo.
I tutori sono leggeri, traspiranti, lavabili e gestiti dalla persona con dei semplici velcri per indossarli e toglierli.

Quando è indicato un tutore alla mano?

Un tutore è indicato in caso di:

  • Intervento chirurgico
  • Traumi
  • Patologie infiammatorie (Tunnel Carpale, Dito a Scatto, De Quervain, tendiniti)
  • Patologie degenerative (artrosi, artrite reumatoide)
  • Rigidità articolari
Prenota una visita

Informiamo che i dati conferiti saranno trattati con mezzi informatici nel rispetto dei principi e dei tempi stabiliti dalla normativa vigente in materia di protezione di dati (Regolamento UE n. 679 del 2016) al solo fine di fornire le informazioni richieste.
L’informativa completa sulle modalità e finalità dei trattamenti effettuati è accessibile attraverso il seguente collegamento: privacy policy.

RC Therapy
Seguici sui social

Vorresti avere maggiori informazioni su Riabilitazione della mano?