Lun - Ven: 8 - 12 | 14 - 20 Sabato 8-12 | Domenica - CHIUSO
30027 San Donà di Piave (Venezia)
Image Alt

Approfondimenti

Approfondimenti

Correre è diventato da qualche anno una vera e propria passione per un numero sempre più crescente di persone di ogni età. L'approccio a questo tipo di attività fisica risulta infatti molto più semplice rispetto ad altre che necessitano di attrezzature anche costose oppure obbligano ad iscriversi a piscine, palestre od organizzazioni sportive. Inoltre si può scegliere di correre da soli o in compagnia, al mattino o alla sera, sui prati

La spalla congelata (o meglio la Capsulite Adesiva) è una condizione patologica abbastanza comune che dal dolore acuto alla spalla arriva a limitarne notevolmente la capacità di movimento. In questo processo patologico è coinvolta soprattutto la capsula articolare, una guaina di tessuto connettivo che avvolge completamente le superfici articolari del collo dell'omero e della glena della scapola (articolazione gleno-omerale) e che, divenendo più spessa, ne limita notevolmente l'ampiezza dei movimenti.

«Dottore, tra 15 giorni ho una maratona per la quale mi preparo da mesi: riuscirò a correrla malgrado questo stiramento al polpaccio?» Gli sportivi di qualsiasi livello, età, sesso, razza, latitudine sono accomunati dagli stessi dubbi ed incertezze quando si parla del ritorno alla competizione, alla gara o alla semplice attività motoria dopo un infortunio muscolare, di qualsiasi entità esso sia stato.

Quante volte a noi medici capita, nella pratica quotidiana, di sentire un paziente che si lamenta di un dolore alla schiena comparso ormai da diverse settimane, che aumenta di giorno in giorno, e che non sembra possa essere collegato a sforzi fisici o traumi. Il tutto in assenza di patologie pregresse e con esami diagnostici negativi.

Sciatica è un termine che anche le persone con scarse conoscenze mediche conoscono e con il quale viene descritta una condizione clinica nella quale il paziente lamenta dolore acuto alla parte bassa della schiena che si propaga lungo la parte posteriore di una gamba (meno frequentemente entrambe) ed arriva sino al piede, con formicolii o senso di debolezza.