Lun - Ven: 8 - 12 | 14 - 20 Sabato 8-12 | Domenica - CHIUSO
30027 San Donà di Piave (Venezia)
blog-rc-therapy

RC Therapy

attività-fisica-in-inverno

Attività fisica d’inverno all’aperto: benefici e consigli per rimanere in forma

Le basse temperature dei mesi invernali inducono molti a ridurre, o peggio, ad eliminare del tutto, la normale attività sportiva praticata all’aperto durante le altre stagioni.

Questa però non è mai una buona scelta. A parte qualche caso particolare che individueremo più avanti, lo sport all’aperto d’inverno non solo non è controindicato ma anzi, se praticato con i giusti accorgimenti, da’ benefici ancora maggiori allo stato di salute generale.

L’attività all’aperto nei mesi più freddi può essere praticata, con le dovute accortezze, da tutti i soggetti in buona salute, anche con temperature intorno a 0°.freddo-e-sport

Il consiglio in ogni caso, prima di intraprendere una qualsiasi attività sportiva, è quello di sottoporsi ad una visita preliminare di un medico (meglio ancora uno specialista in Medicina dello Sport) che possa consigliarci sull’esercizio fisico più indicato e darci indicazioni sul nostro stato di forma e quindi regolare lo sforzo massimo da sostenere.

È comunque sconsigliata l’attività all’aperto, nei mesi più freddi, ai cardiopatici o a chi soffre d’asma bronchiale.

Benefici

  • Ormai gli studi internazionali sono concordi nell’affermare che un’attività fisica moderata e svolta regolarmente ogni settimana, ha effetti positivi sull’apparato cardio-circolatorio, sull’apparato respiratorio e su quello endocrino. Risulterebbe quindi controproducente interrompere per qualche mese gli sport all’aperto, per non perdere la forma raggiunta con tanta fatica e con la prospettiva di dover ricominciare tutto dall’inizio.
  • Si bruciano più calorie. Con il freddo, per mantenere una corretta termoregolazione, vengono bruciate più calorie. In pratica, la trasformazione dei grassi di riserva in grassi da eliminare, velocizza l’eliminazione dei chili superflui.
  • Fortifica il sistema immunitario. L’attività fisica, se svolta con le precauzioni del caso, risulta utile anche per fortificare il sistema immunitario e proteggerci quindi dai mali di stagione che interessano le vie respiratorie quali il raffreddore o le forme influenzali.
  • Migliora l’umore. Il rilascio di endorfine (e quindi di sostanze euforizzanti) con l’attività fisica risulta poi ancor più utile nei mesi più freddi e bui. In questa stagione sono più frequenti gli stati depressivi e i disturbi dell’umore per cui un po’ di moto, magari in compagnia, risulta un ottimo antidepressivo.

Consigli utili

Controlla le condizioni climatiche. Prima di uscire di casa occorre in ogni caso valutare bene le condizioni climatiche che ci attendono all’aperto. Temperature parecchio sotto lo 0 dovrebbero comunque essere evitate per ridurre congelamenti o rischi di contrarre malattie batteriche o virali dell’apparato respiratorio. Pioggia o vento comportano spesso la necessità di adeguare il normale abbigliamento. Il rischio di rimanere bagnati per troppo tempo andrebbe evitato. Il ghiaccio può inoltre aumentare il rischio di cadute e scivolate.

Fai attività fisica al mattino. Sarebbe da evitare, per lo stesso motivo, anche l’esercizio fisico alla sera, quando diminuisce la visibilità. correre-in-invernoVari studi consigliano di praticare lattività fisica al mattino, periodo nel quale vi è il massimo rilascio di Cortisolo, sostanza che, associata alle Endorfine, fornisce una carica di energia positiva valida per tutta la giornata.

Riscaldati prima di uscire. Il necessario periodo di riscaldamento dovrebbe essere svolto in ambiente riparato per consentire il graduale allungamento dei muscoli, evitando i rischi di incorrere in contratture, stiramenti o strappi. Una volta all’aperto, lo sforzo dovrebbe partire piano, respirando regolarmente, inspirando con il naso ed espirando con la bocca, per impedire di assorbire aria troppo fredda.

– Vestiti a strati. L’abbigliamento ideale risulta essere quello cosiddetto “a cipolla”, indossando cioè a strati. A contatto con la pelle è preferibile indossare una maglia traspirante in microfibra, per mantenere il calore corporeo e rimuovere velocemente l’umidità. Lo strato intermedio, costituito da una maglia di lana o un pile, serve a mantenere l’isolamento termico. La pesantezza del capo da indossare dipende dalla temperatura esterna e dallo sforzo da compiere (più l’attività è intensa, meno pesante sarà l’indumento). Lo strato più superficiale deve proteggere da pioggia e vento e quindi deve essere impermeabile e traspirante.

Togli gli indumenti sudati non appena rientri in un ambiente riscaldato. Al termine dell’esercizio fisico è consigliabile togliersi quanto prima possibile gli indumenti indossati in ambiente riscaldato, per ridurre evidentemente il rischio di incorrere in malanni tipici come raffreddori o stati influenzali.

Proteggi le articolazioni dal freddo. Le mani necessitano di essere riscaldate utilizzando guanti, i piedi vanno protetti usando calze termiche. Invece, il capo e le orecchie vanno salvaguardati con berretti o fasce.correre-in-inverno

– Proteggiti dai raggi ultravioletti. In montagna i raggi ultravioletti potrebbero creare problemi al viso e agli occhi. È consigliato quindi utilizzare creme protettive ed occhiali da sole.

– Rimani idratato. Anche se la sensazione di aver sete nei mesi invernali è meno presente, occorre ricordare di idratarsi in maniera adeguata a ripristinare la perdita di liquidi e sali minerali che si ha sudando. Con aria fredda aumenta il rischio di disidratazione per cui è consigliato bere adeguatamente prima, durante e dopo l’attività fisica.

Fai stretching ed esercizi di defaticamento. Quando hai terminato la tua attività fisica ricordati di eseguire degli esercizi ad hoc utili per la circolazione. Evita un brusco raffreddamento per non incorrere in malanni come raffreddore o influenza.

Vuoi ricevere maggiori informazioni?